venerdì 10 ottobre 2014

Berlusconi perde onorabilità, Fininvest cederà oltre 20% Mediolanum

Bankitalia impone a Finivest di cedere oltre il 20% di Mediolanum. Il provvedimento, spiega Fininvest, è stato preso "per la sopravvenuta perdita dei requisiti di onorabilità in capo al proprio controllante indiretto Silvio Berlusconi". Fininvest Spa comunica che "nel contesto del procedimento relativo all'iscrizione di Mediolanum Spa nell'Albo dei Gruppi bancari e a seguito della
sopravvenuta perdita dei requisiti di onorabilità in capo al proprio controllante indiretto dott. Silvio Berlusconi, Banca d'Italia, d'intesa con IVASS, con provvedimento del 7 ottobre 2014 pervenuto in data 9 ottobre 2014, ha disposto le misure previste dalle norme applicabili (artt. 24 e 25 Tub), ivi inclusa la dismissione della partecipazione in Mediolanum Spa eccedente il 9,9% che potrà anche avvenire mediante il conferimento in un trust ai fini della successiva alienazione a terzi entro 30 mesi dalla data della sua istituzione. Il Consiglio di Amministrazione di Fininvest si riunirà per la valutazione e l'esame del suddetto provvedimento e l'adozione delle conseguenti deliberazioni, anche tenuto conto delle caratteristiche e dell'entità della partecipazione in oggetto e della rilevanza di Mediolanum Spa per il mercato, per i suoi clienti e per i suoi azionisti. Fininvest Spa darà compiuta informativa delle determinazioni che verranno assunte dal proprio Consiglio di Amministrazione. Fininvest Spa, inoltre, in conseguenza della sospensione dei diritti di voto per la quota di partecipazione eccedente il 9,9% del capitale sociale di Mediolanum Spa, dà atto del venir meno dell'efficacia del Patto di sindacato Mediolanum e, d'intesa con l'altro socio Fin.Prog. Sapa di Ennio Doris & C., darà corso alle azioni conseguenti che costituiranno oggetto di comunicazione al mercato". Stando alla Consob, Berlusconi possiede il 35,1% di Mediolanum Spa, il suo socio e amico Ennio Doris possiede il 29,7% e Lina Tombolato, moglie di Doris, il 6,6%. Secondo il Testo unico bancario, la partecipazione al capitale dei soggetti abilitati allo svolgimento dei servizi di investimento richiede il possesso dei requisiti di onorabilità. Questo significa che chi attraverso il voto in assemblea può influire sulla gestione sociale deve risultare affidabile e non aver subito condanne penali. Il provvedimento della Banca d'Italia è dunque motivato dalla condanna di Silvio Berlusconi nel processo per frode fiscale sui diritti tv Mediaset. Con una nota Mediolanum "prende atto del comunicato stampa di Fininvest relativo al provvedimento di Banca d'Italia che prevede che Fininvest inizi un processo per la dismissione della partecipazione in Mediolanum eccedente il 9,9%". Mediolanum "proseguirà la sua attività nel rispetto delle strategie e dei principi che hanno sempre contraddistinto questo gruppo. In virtù del consolidato rapporto tra la famiglia Doris e Silvio Berlusconi esprimiamo totale solidarietà a quest'ultimo anche in questa circostanza".

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...