mercoledì 31 luglio 2019

Carabiniere ucciso, il Comandante Alfa: non siamo carne da macello

"Non riesco a dormire, quel sangue mi raffredda il cuore di sofferenza e rabbia. Non trattengo l'adrenalina, quasi non mi riconosco". Si apre così la lettera del Comandante Alfa, nome in codice per nascondere la sua vera identità, fondatore dei gruppi speciali del Gis (le teste di cuoio dei carabinieri), dopo la morte del vicebrigadiere
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...